"Appetite for Destruction" esordio e curiosità-ENCICLOPEDICA

Appetite for destruction

In che giorno e anno è uscito Appetite for Destruction dei Guns n' Roses?  

21 Luglio 1987 per la Geffen Records

.... Title track ....
 
Welcome to the jungle – (Guns n' Roses) 4:31
It's so easy – (Guns n' Roses e West Arkeen) 3:21
Nightrain – (Guns n' Roses) 4:26
Out Ta Get Me – (Guns n' Roses) 4:20
Mr.Brownstone – (Guns n' Roses) 3:46
Paradise city – (Guns n' Roses) 6:46
My Michelle – (Guns n' Roses) 3:39
Think about you – (Guns n' Roses) 3:50
Sweet child o' mine – (Guns n' Roses) 5:55
You're crazy – (Guns n' Roses) 3:25
Anything goes – (Guns n' Roses e Chris Weber) 3:25
Rocket Queen – (Guns n' Roses) 6:13
                                
 
                                                                                               

YouTube Video



 .... Singoli tratti ....
 
It's so easy (1987)
Welcome to the jungle (1988)
Sweet child o'mine (1988)
Paradise city (1989)
Nightrain (1989)


.... Line up ....
W. Bailey Axl Rose - singer
Slash Saul Hudson - lead guitar
Duff Mc kagan - bass
Izzy Isbelle Stradlin - rhytm guitar
Steven Popcorn Adler - drums


   .... Prodotto da Mike Clink ....
  Steve Thompson, Michael Barberio missaggio


           
  .... Tutti i brani scritti dai Guns tranne It's so easy con la collaborazione di West Arkeen e Anything goes con la collaborazione di Chris Weber ....

         .... Copie vendute: 31 milioni al 2008 ....
                                                                                   
              .... Ad oggi (2018) se ne stimano vendute 32-33 milioni in quante ne continua a vendere circa 10000 al mese ....
 
Prima di scegliere il nome definitivo da dare alla band si era pensato a nomi come Heads of Amazon, o AIDS (provocatorio, nel periodo anni 80 dove il contagio era a livelli esponenziali), poi Axl Rose decise per Guns n' Roses anche per omaggiare le vecchie band di provenienza di alcuni membri della band (Los Angeles Guns e Hollywood Rose).
L'album venne registrato nei primi mesi dell'87 con un budget di quasi 400 mila dollari e per la copertina iniziale fu scelto un dipinto di Robert Williams di forte impatto e di dubbio gusto (che vide l'opposizione sia dei negozi di dischi sia di alcune associazioni di tutela all'epoca molto attive), che poi fu sostituito con un tatuaggio della band ideato da un ragazzo che frequentava la famigerata Hell House, la casa in affitto a 400 dollari dove la primissima band viveva insieme e componeva i primi pezzi sbarcando il lunario con le più incredibili storie fra realtà, leggende metropolitane e mito del rock n' roll.
In verità le prime band in cui militarono i componenti dei Guns furono una presenza liquida, di passaggio, ma ciò non ne toglie l'importanza nè nella formazione musicale della band nè nella composizione dei brani che non se non fossero passati per quelle band di passaggio, o provvisorie, oggi non darebbero modo di parlare del capolavoro assoluto di questo debut album, dove ogni nota è perfetta e dove "
everythin was as fresh as the bright blue sky".
rock-3079352_640
                                                                       Slash (Pixabay)